Circuito Master Club

Formula uno – Fromula Uno: nel 2003 doppie qualifiche e nuovi punteggi

Fromula Uno: nel 2003 doppie qualifiche e nuovi punteggi

Si è riunita oggi la Commissione della FIA per discutere le novità

Data: 28 ott 2002 17:20

(9colonne) LONDRA – Il mondo della Formula Uno ha bocciato le folli proposte della coppia Ecclestone-Mosley. La riunione tenutasi oggi a Londra nell’Hotel Hilton dell’aeroporto di Heathrow ha sancito decisioni innovative ed importanti, escludendo però del tutto il rischio che il circus si trasformasse davvero in un baraccone, con vetture zavorrate e piloti che scendono e salgono da monoposto diverse. La prima novità votata dalla Commissione (composta oltre che dai membri della FIA e dai team manager, da rappresentanti dei circuiti e degli sponsor) riguarda la riforma della sessione di qualifica. Non ci sarà più soltanto un’ora di qualifiche ufficiali, ma si tornerà a disputare la sessione divisa in due giorni, venerdì e sabato, con un ordine di uscita prestabilito. Il venerdì si scenderà in pista uno per volta, cominciando dal leader della classifica e gli altri a seguire nella graduatorie. In base ai tempi stabiliti il venerdì, si deciderà l’ordine di uscita del sabato, ma inevertendo il tutto: il più veloce del giorno prima avrà dunque la possibilità di uscire per ultimo nella sessione decisiva, trovando la pista ben “gommata”. Riforma importante anche per il sistema di assegnazione dei punti, che dal 2003 vedrà ridurre la forbice tra il vincitore ed il secondo arrivato, che ne conquisterà otto invece che sei. Sarà infatti il terzo a prenderne sei, e così via fino all’ottavo, che prenderà un punto. Saranno vietati assolutamente gli ordini di scuderia, finora tollerati dai vertici della Federazione, e i produttori di pneumatici potranno crerare mescole ad hoc per un singolo team, senza per forza fornirle anche alle altre scuderie che equipaggiano. Infine, dalla riunione di Londra è uscito un triste ma annunciato addio: dal 2003 la F1 non correrà più sul circuito di Spa, che si era rifitutato di adeguarsi alle nuove leggi contro la sponsorizzazione del tabacco.

Related Articles