Circuito Master Club

Caccia grossa al voto cutrese

Attualità

I cittadini di origine cutrese residenti a Reggio città sono stimati in almeno cinquemila, più alcune altre migliaia in provincia. Ci sono quelli arrivati dalla Calabria già 30-40 anni fa e quelli di seconda o terza generazione. Un bacino elettorale consistente, corteggiato da molti candidati sindaco in vista delle prossime elezioni amministrative. I reggiani di origine cutrese lavorano in gran parte nell’edilizia.

Tradizionalmente votano per il centro-sinistra, tanto che nel 2004 hanno eletto due rappresentanti della lista di Graziano Delrio, Antonio Olivo e Salvatore Scarpino, con un alto numero di preferenze. Scarpino si è piazzato addirittura secondo fra gli eletti in Sala del Tricolore. In questa campagna elettorale è scattata la corsa ad accaparrrarsi il voto dei cutresi e quasi non c’è lista che non abbia inserito almeno qualcuno nato da quelle parti o da genitori comunque calabresi. Nella lista del pd sono ricandidati Scarpino e Olivo. In quella di Di Pietro due non cutresi doc, ma nati lì vicino, a Crotone, così come nelle liste civiche che appoggiano Antonella Spaggiari o Piscopo. In quella di Sinistra e Verdi c’è Antonio Migale, parente del sindaco di Cutro, Salvatore. Un crotonese anche nella lista del pdci, così come altri calabresi in quella di Scarpati e dell’Udc. Due cutresi nella lista degli ex popolari schierati con Delrio. Un giovane cutrese di seconda generazione nella lista del candidato sindaco del centro destra Fabio Filippi, mentre candidature del sud sono pressochè assenti nell’elenco della Lega Nord.

Il sindaco di Reggio, Graziano Delrio, ha partecipato alla fine di aprile, su invito dell’amministrazione comunale di Cutro, alla festa del Santissimo Crocifisso, una suggestiva processione che si svolge ogni sette anni trasportando una statua lignea del Cristo crocifisso dal santuario dei frati minori francescani alla chiesa madre (foto), nel centro del paese. Fra le vie di Cutro si sono fatti vedere due altri candidati sindaco, Antonella Spaggiari e Fabio Filippi, a caccia di consensi per il voto reggiano.

Related Articles

VERONA. L’Arena e il matador. Una storia che si ripete e che ha un finale tanto scontato quanto magico per la Cordivari Roseto. L’Arena è quella di Verona, il matador è Mario Boni, il tutto con la Muller Verona nel ruolo del toro scornato. Il primo successo esterno della Cordivari[…]

Read More »

Monte Paschi SI-Cordivari Roseto 72-56 Città: Siena Spettatori: 1000 Arbitri: Duranti – Lo Guzzo Punti 2°t: 32- 27 MONTE PASCHI SI (Frates) Alberti Paolo 19, Busca Emiliano 0, Evans Brian 3, Gray Sylvester 5, Mays Travis 20, Pessina Davide 0, Pilotti Andrea 0, Rossetti Marco 0, Rowan Ron 21, Savio[…]

Read More »